Urania Ligustica

Industria e astronautica

Documenti sulla San Giorgio

Industria e astronautica


Premessa Storia Telemetri Telescopi Binocoli Periscopi  
Fotocamere Microscopi Altri prodotti Pubblicità Collaboratori e concorrenti Saggistica Documenti



I documenti che seguono sono stati resi noti e almeno in parte condivisi per la prima volta sul web grazie a questo progetto, a quanto risulta da ricerche effettuate, nella stessa occasione, tramite Link esterno Google, Bing, Yahoo! e MetaCrawler.



24 MAGGIO - 14 GIUGNO 1936

Immagine originale

Immagine originale

Immagine originale

Immagine originale

Cliccare sulla miniatura per ingrandire l'immagine

Tipologia documento: CATALOGO EDITO

IIIª Mostra Nazionale di Strumenti Ottici. Anno XIV. Firenze. XXIV Maggio-XIV Giugno (Firenze, Stab. Tip. già Chiari Succ. Carlo Mori, s.a. ma 1936). Collezione privata.

Sebbene l'anno di edizione non sia indicato esplicitamente, dalla lettura risulta evidente che il catalogo è stato realizzato parallelamente all'allestimento della mostra, in modo da essere stampato prima dell'inaugurazione. Si noti, a conferma, la presenza della tavola ripiegata con la cartina di Firenze, tra le pp. 8 e 9, e l'indicazione delle linee tranviarie utili per raggiungere il Palazzo delle Esposizioni, a p. 9.

In copertina è rappresentato un generico cielo stellato, diviso in fasce via via più scure verso l'alto; una mano regge una lente, per inquadrare un ricco campo stellare. Tenendo conto dei continui rimandi a Galilei, le fasce più chiare rappresentano la Via Lattea e la lente ingrandisce le Pleiadi, cui è dedicata una silografia nel Sidereus Nuncius. Immagine originale Rielaborazione originale da fonte esterna

Rielaborazione originale da fonte esterna
Le Pleiadi come appaiono al binocolo, in un disegno di Roberto Mura (2008); qui adattato da Wikipedia Link esterno Pleiadi (astronomia).

La loro raffigurazione in copertina ha, dunque, tratti generici, come lo stesso cielo dello sfondo.



Un'interpretazione più suggestiva, ma molto meno probabile, è che si tratti del Trapezio di Orione, vale dire la stella multipla al centro della nebulosa Messier 42; è stata adattata un'immagine di Michael L. Weasner (2013), tratta da Link esterno Cassiopeia Observatory (Arizona, USA).

Una sola copia catalogata in Link esterno OPAC SBN (situazione al 28/6/2014). Nella biblioteca dell'Istituto Geografico Militare è presente un altro esemplare, curiosamente assegnato a "Edizioni Ferroviarie" nella scheda bibliografica in Link esterno Catalogo del Polo BNCF (situazione all'11/7/2014); l'indicazione in copertina significa, invece, che la partecipazione alla mostra è incentivata con "riduzioni ferroviarie"!

Gli espositori sono, nella sequenza in catalogo: Regio Istituto Nazionale di Ottica, pp. 14-16; Associazione Ottica Italiana, pp. 17-18; Libreria antiquaria Leo S. Olschki, p. 18; Società Anonima Industriale San Giorgio, pp. 20-22; Società Anonime Ottico Meccanica Italiana e Rilevamenti Aerofotogrammetrici, p. 24; Società Anonima Officine Galileo, pp. 26-30; Società Anonima Fiamma, p. 33; Società Anonima Officina Costruzione Istrumenti Precisione, p. 34; Società Anonima Scotti, Brioschi & C., pp. 35-36; Istituto sperimentale per lo studio e l'applicazione dei prodotti del Boro e del Silicio, pp. 39-41; Società Anonima Cinemeccanica, pp. 42-44; Società Anonima Ditta Pietro Sbisà, p. 55; Società Anonima Fratelli Koristka, p. 56; Istituto Geografico Militare, pp. 59-62; La "Filotecnica" Ing. A. Salmoiraghi, pp. 64-69; Industria Cadorina Occhialeria Fratelli Lozza, pp. 70-71; Laboratorio di Precisione R. Esercito, pp. 72-73.

In merito a questa manifestazione si rimanda a → Storia § 12.




[Trascrizione puntuale del testo alle pp. 20-22; per le figure vedere a lato].


SAN GIORGIO SOCIETÀ ANONIMA INDUSTRIALE

GENOVA - SESTRI

La mostra della SAN GIORGIO consta di tre parti separate da 5 colonne luminose. Sulle cinque colonne è posta una serie di diapositive che rappresenta la vista esterna delle officine, alcune vedute panoramiche dei reparti ottici, qualche dettaglio dei reparti stessi e del macchinario, e qualche riproduzione degli istrumenti ottici finiti.

Nelle tre parti in cui la sala viene ad essere divisa la SAN GIORGIO espone: una mostra di ottiche sciolte ed in lavorazione, una mostra del binocolo, una mostra di strumenti finiti.

Nella mostra delle ottiche sciolte ed in lavorazione è esposta una serie di prismi nei vari stadi di lavorazione, alcune staffe con prismi e lenti in corso di lavorazione, che mostrano come proceda il lavoro in serie.

Interessanti, gli insiemi dimostrativi delle ottiche dei vari binocoli esposti nelle piccole vetrine; la costituzione dei vari binocoli riesce in tali insiemi chiarissima, essendo tutte le parti ottiche sezionate ed applicate su una lastra di vetro trasparente; le parti meccaniche di sostegno sono così tutte eliminate e tutte le parti ottiche sono ben visibili nella posizione che assumono nello strumento finito.

Alla parete, le statistiche della produzione delle parti ottiche, esposte sotto forma di grafico, mostrano quale poderoso sviluppo, abbia assunto di anno in anno la produzione.

Nella mostra del binocolo oltre all'esposizione dei principali tipi di binocolo prodotti dalla SAN GIORGIO, dal piccolo OCTALMIN al grande ASTRAMAR a cambio di ingrandimenti, è interessante la serie dei modelli di binocoli scorretti in cui il visitatore può osservare l'effetto dei difetti più comuni ai binocoli del commercio molto amplificato affinché sia più evidente.

Una iscrizione ammonisce che, mentre nella serie dei 7 binocoli esposti, i difetti resultano evidenti ed inibiscono quasi l'uso del [<20-21>] binocolo, in quelli costruiti da chi non disponga delle più perfette attrezzature, i difetti potranno essere meno sensibili e sfuggire in un primo tempo all'osservatore privo di mezzi di controllo, ma [<21-22>] finiranno per stancare gli occhi di chi li adopera al punto da costringerlo ad abbandonare l'uso del binocolo.

Di fronte la SAN GIORGIO espone alcuni degli strumenti di collaudo che correntemente vengono usati per il controllo dell'assenza di ogni irregolarità nei binocoli di sua fabbricazione. Sulla parete centrale oltre ad altri interessanti cartelli di statistiche, la SAN GIORGIO espone la riproduzione fotografica di tre certificati di collaudo rilasciati dal R.I.N.D.O. [Regio Istituto Nazionale di Ottica] che attestano l'eccellenza della sua produzione.

Nella veranda, al piano superiore, è messa a disposizione di chi richieda una prova pratica, una serie dei principali tipi di binocoli prodotti dalla SAN GIORGIO.

Nella 3.ª parte della sala sono infine esposti alcuni campioni di strumenti bellici: telemetri, teleinclinometri, cannocchiali di punteria. Due telemetrini da 0,80 sono posti sul banco che serve normalmente al montaggio dei piccoli telemetri, il grande telemetro da 5 metri è invece sulla piattaforma su cui viene sistemato nell'uso reale.

Alle pareti due cartelloni mostrano lo schema di principio e danno un'idea dei due fondamentali tipi di telemetro.


13 GIUGNO 1938

Immagine originale

Immagine originale

Tipologia documento: FOTOGRAFIA ORIGINALE

Agenzia fotografica METVAN, via A. M. Maragliano 23, Genova.
Formato 12 x 18 cm. Collezione privata.

Al verso del positivo, timbrato 20/6/1938, è incollata una velina coeva dattiloscritta: "Genova 13/6/38 XVI° | Un gruppo di INDUSTRIALI inglesi, giunti stamane a Genova, visitano gli stabilimenti 'ANSALDO MOTORI' e 'SAN GIORGIO OTTICA'".

Interni del reparto Ottica dello stabilimento San Giorgio, a Genova Sestri. È in mostra un'ampia gamma di telemetri. Un dirigente tecnico, riconoscibile dalla fascia nera al braccio sinistro (che attesta l'appartenenza al partito fascista), illustra il funzionamento di un grande telemetro, grazie a un cartellone posto di fronte. Alla sua sinistra un gerarca fascista. Le quattro persone ai lati dovrebbero fare parte della delegazione inglese.

La fotografia è importante perché documenta un tentativo di espansione commerciale della San Giorgio nel mercato inglese, dominato allora da Barr & Stroud, poi reso vano dall'entrata in guerra dell'Italia → Storia § 21.

L'agenzia METVAN ha realizzato servizi fotografici quanto meno dal 1930 al 1942. È possibile che il suo archivio sia ancora conservato da METVAN Foto, via Murcarolo 63/A-R, Genova Link esterno Pagine Gialle (scheda esistente il 29/6/2014).


1980

Immagine originale

Cliccare sulla miniatura per ingrandire l'immagine

Tipologia documento: LETTERATURA GRIGIA

Elsag, L'Elettronica San Giorgio dieci anni dopo (Genova, A.L.G., s.a. ma 1980), pagine non numerate. Collezione privata.

La letteratura grigia è troppo rara nelle biblioteche italiane: un esemplare, erroneamente datato 1979, è conservato dal Link esterno Centro Ligure di Storia Sociale; nessuno è presente in Link esterno OPAC SBN (ricerca effettuata il 23/6/2014).

A singoli brani si fa riferimento in → Storia.



HTML 4.01 Transitional valido!    Day & Night... Night & Day!    CSS valido!
© Riccardo Balestrieri 2014-2017  –  Revisione 3 III 2017  –  Ottiche San Giorgio  –  Industria e astronautica  –  Indice generale  –  Urania Ligustica